Caritas - Parrocchia Maria SS. Assunta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Caritas

Gruppi parrch.

Caritas parrocchiale
"Maria Madre della Divina Provvidenza”

GRUPPO CARITAS
AMBITO CARITA'

Perché è indispensabile la Caritas parrocchiale?
Perché è e diventa oggi il segno concreto, visibile, espressione irrinunciabile della stessa essenza della Chiesa.
Se una Parrocchia non ha qualche forma di Caritas, c’è motivo di dubitare che quella Parrocchia non celebra bene l’Eucarestia, soprattutto non la vive come Comunità.
Per questa ragione, e altre se ne potrebbero aggiungere, si pensa di costituire in modo serio un gruppo Caritas che ha preso il nome di: “Caritas parrocchiale Maria Madre della Divina Provvidenza” che si occupa:
 Di raccogliere alimenti e vestiti per i bisognosi;
 Si coordina con la Caritas diocesana nella sensibilizzazione e promozione della Carità;
 Collaborerà e coinvolgerà i gruppi parrocchiali per l’educazione della Carità;
 Entra in dialogo con i gruppi giovanili della parrocchia per dare il suo contributo nella formazione alla Carità delle giovani generazioni e creare opportunità di inserimento di giovani nel gruppo Caritas;
 Visita le persone sole e bisognose per far sentire loro la presenza amorevole di Dio.

INAUGURAZIONE NEL NUOVO “CENTRO DI ASCOLTO” E DELL’OSSERVATORIO DELLE POVERTÀ E DELLE RISORSE, DELLA CARITAS DIOCESANA DI OPPIDO MAMERTINA – PALMI,

Ha avuto luogo sabato 1 dicembre 2018, a Gioia Tauro, in Via Strada Statale 111, presso la “Casa del Laicato”, della Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi, la cerimonia di inaugurazione nel nuovo “Centro di Ascolto” e dell’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse, della Caritas Diocesana di Oppido Mamertina – Palmi, realizzato con un progetto finanziato da Caritas Italiana. Ha presieduto l’inaugurazione sua Ecc.za Mons. Francesco Milito, Vescovo della Diocesi e sono stati presenti Don Nino Pangallo, Delegato Regionale Caritas, il diacono Vincenzo Alampi, Direttore della Caritas Diocesana, con il diacono Michele Vomera Vice Direttore, il diacono Francesco Restuccia Responsabile del Centro di Ascolto e la Dott.ssa Noemi Trimarchi, responsabile del Progetto “Costruire Speranza 2, l’agire pastorale delle Chiese di Calabria: buone pratiche di giustizia e legalità, promosso dalla Conferenza Episcopale Calabra e dalla Delegazione Regionale Caritas e finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso Caritas Italiana. Erano presenti, altresì, il Prof. Nino Parisi e il dott. Ettore Russo dell’Equipe Caritas Diocesana, diversi sacerdoti e diaconi e i responsabili delle Caritas parrocchiali e di diverse associazioni Sociali della Diocesi di Oppido Mam. – Palmi.
Nella stessa mattinata, S. E. Mons. Francesco Milito, ha benedetto “l’opera segno”, realizzata dalla Caritas Diocesana di Oppido Mam. – Palmi, che è l’Associazione di Volontariato “I Segni dei Tempi”. Un’Associazione promossa per continuare la formazione e l’educazione alla Giustizia e alla Legalità del Progetto Costruire Speranza, per promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica, per promuovere la formazione e l’orientamento lavorativo per i giovani e le famiglie, specialmente attraverso progetti innovativi, per promuovere la realizzazione di servizi sociali e culturali, per la gestione di strutture e iniziative a favore del territorio e, soprattutto dei poveri, per la realizzazione di attività di promozione del territorio anche in collaborazione con altri enti e istituzioni pubbliche e private.

 
 

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu